Friday, February 3, 2012

Artist Spotlight: Interview with P.A. Vannucci

1. Tell us a little bit about yourself: What got you interested in art? Have you taken any art classes?



I grew up with a passion for drawing, music and cinema. As a child, my mother forbade me to watch TV at night, and I did talk about the films and then draw the characters and stories. I found myself in a technical school, to go to art school with my cousin Sophia, and the 19 years I never stopped to devote myself to my passions, which are now my job. My important art teacher, Umberto Giovannini, an important graphic and xylographer of my country.


2. What is your preferred medium and why?


The cinema is my main source on which I put every aspect of art, the font for the posters to the work of editors.


3. Do you have an online portfolio or a blog where we can view your work?


My site is exclusively for the fonts and Cinema, "Alphabet & Type" (http://www.alphabetype.it/) and the blog is at alphabetype.wordpress.com


4. Do you have a favorite artist? If yes, what draws you to that person’s work?


Starting from the movies, I like Maurizio Nichetti, a director who joined the cartoon and comics, a comic linked to the great films devoted to Chaplin and Buster Keaton. In 18 years I have personally met Daniel Panebarco (http://www.panebarco.it/), an important cartoonist of my city, Ravenna ... and my fate was decided at that time.


5. Can you remember one of the first things you drew/sculpted/painted/photographed etc.? What makes it memorable?


The first important work, at 19, illustrating a window of a restaurant in my country. I used a character born to school when I was seven. His name was GNU.
Potential book cover illustration.


6. This being primarily an author’s blog, I would like to ask if you’ve ever designed any artwork for an author (cover image, maps, interior art - including font styles - etc.)? Do you have a favorite genre (fantasy/sci-fi, thriller, romance etc.) you like to design for? If not, would you be interested in designing a book cover?


An important collaboration was with ELLEDIEFFE, the official site of the theater company of Eduardo Defilippo (http://www.defilippo.it/), creating tables for the 1998/99 season. I then made some tables for the official site of Anthony DeCurtis (http://www.antoniodecurtis.com/). Some illustrations made for the "2008 Young Illustrator-by Swatch" can consider the potential covers, and I consider myself lucky to have been able to make the cover of Faelorehn-the project, from design to the font. I love the fantasy genre, so much ...


Collaboration with ELLEDIEFFE,
the official site of the theater company
of Eduardo Defilippo.


7. Where do you gather most of the inspiration for your works?


From the cinema, of course ... It's fun to discover books and subjects that can become stories can evolve. Hansel Kenedris is my biggest project, for 3D.


8. Have you ever stepped out of your comfort zone and discovered a whole new genre of art? How did it turn out?


I had a moment where I concentrate my ideas using photography, and "Pensieri e Tratti" (thoughts and traits) has the potential to publish the book that I would one day ...
Artwork for the official site
of Anthony DeCurtis.


9. Do you have any other interesting hobbies or maybe a fun story about an experience involving your artwork?


I love music so much. The first musical work and the CD is called "PensieridiNote", and I'm finishing. It contains songs that I associate photography and design, to tell the songs in poetry and music. I love Bob Dylan and Debussy.


10. Where can we reach you if we are interested in commissioning you for our own projects?


There are no limits ... When Art is always true!



11. What, in your opinion, is the hardest step in creating a masterpiece?


Be sure to interest people ... Always.


12. And finally, is there anything else you’d like to say?


I hope I can always get to goals such as this interview. Thank you!


-Paolo Tommaso Vannucci (P.A. Vannucci)


* * *

Thank you Paolo for taking part in my Artist Spotlight interview! I hope your artwork continues to flourish and we hope to see more of you in the future!

*****

If you or an author/illustrator you know is interested in being interviewed, feel free to send me an email at jejoescienne@yahoo.com





1. Parlaci un po 'di te: Che cosa ti ha interesse per l'arte? Hai preso tutte le classi d'arte?


Sono cresciuto con la passione per il disegno, la musica e il cinema. Da bambino, mia madre mi proibiva di vedere la televisione di sera, e io mi facevo raccontare i film per poi disegnare le storie e i personaggi. Mi sono ritrovato in una scuola tecnica, per passare ad un liceo artistico con mia cugina Sophia, e dai 19 anni non ho più smesso di dedicarmi alle mie passioni, che oggi sono il mio lavoro. Il mio insegnante artistico più importante è stato Umberto Giovannini, un importante xilografo del mio paese.


2. Qual è il vostro mezzo preferito e perché?


Il cinema è la mia fonte principale, su cui ripongo ogni aspetto artistico, dai font per le locandine al lavoro di editor.


3. Hai un portfolio online o un blog dove possiamo vedere il tuo lavoro?


Il mio sito esclusivo per i font è Alphabet & Type (www.alphabetype.it) e il blog è all'indirizzo alphabetype.wordpress.com


4. Avete un artista preferito? Se sì, cosa ti attira di lavoro di quella persona?


Partendo dal cinema, prediligo Maurizio Nichetti, un regista che ha unito il cartone animato e il fumetto, a una comicità legata ai grandi film devoti a Chaplin e Buster Keaton. A 18 anni ho incontrato personalmente Daniele Panebarco, un importante fumettista della mia città, Ravenna... e il mio destino è stato deciso in quel momento.


5. Ti ricordi una delle prime cose che ha / scolpito / dipinto / fotografato ecc? Che cosa lo rende memorabile?


Il primo lavoro importante, a 19 anni, illustrando una vetrina di un ristorante del mio paese. Avevo utilizzato un personaggio nato sui banchi di scuola, quando avevo sette anni. Il suo nome era Gnu.


6. Questo blog è principalmente un autore, vorrei chiedere se hai mai progettato qualsiasi opera d'arte per un autore (immagine di copertina, mappe, arte interni - tra gli stili dei caratteri - ecc)? Hai un genere preferito (fantasy / sci-fi, thriller, romanticismo, ecc) che ti piace di design per? In caso contrario, sareste interessati nella progettazione di copertina di un libro?


Una collaborazione importante è stata con ELLEDIEFFE, il sito ufficiale della compagnia teatrale di Eduardo DeFilippo, realizzando delle tavole per la stagione 1998/99. Ho poi realizzato alcune tavole per il sito ufficiale di Antonio DeCurtis. Alcune illustrazioni fatte per La Young Illustrator 2008 le posso considerare potenziale copertine, e mi considero fortunato aver potuto realizzare il progetto della cover di Faelorehn, dal disegno al font. Amo il genere Fantasy, tantissimo...


7. Dove raccogliere la maggior parte l'ispirazione per le tue opere?


Dal cinema, ovviamente... Mi piace tantissimo scoprire libri e soggetti che possono diventare storie da poter evolvere. Hansel Kenedris è il mio progetto più grande, per il 3D.


8. Avete mai uscito dalla tua zona di comfort e scoperto un nuovo genere di arte? Come andò a finire?


Ho avuto un momento in cui ho concentrato le mie idee utilizzando la fotografia, e Pensieri e Tratti è il potenziale libro che vorrei pubblicare, un giorno...


9. Hai altri hobby interessante o forse una storia divertente di un'esperienza che coinvolge i tuoi disegni?


Amo la musica, tantissimo. Il primo lavoro musicale e CD si chiama PensieridiNote, e lo stò ultimando. Contiene dei brani a cui associo la fotografia e il disegno, per raccontare le canzoni in poesia e musica. Amo Bob Dylan e Debussy.


10. Dove possiamo arrivare se siamo interessati a messa per i nostri progetti?


Non ci sono limiti... quando è sempre vera Arte!


11. Quali sono, secondo lei, è il più difficile passo nella creazione di un capolavoro?


Essere sicuri di poter interessare alla gente... sempre.


12. E infine, c'è qualcos'altro che vorresti dire?


Spero di poter sempre arrivare a traguardi come questa intervista. Grazie!

No comments:

Post a Comment